Alimenta 2000

Celiachia

Introduzione

La malattia celiaca o celiachia è un'enteropatia diffusa causata dall'ingestione di glutine, la componente proteica della farina di grano, in individui geneticamente predisposti. Le lesioni mucose iniziano nel duodeno e si estendono distalmente con la conseguenza di ridurre la superficie intestinale assorbente e di provocare un quadro di malassorbimento più o meno marcato. La prevalenza di questa patologia è maggiore di quanto si pensasse in passato e nei paesi occidentali puó arrivare fino a 1:100-150 abitanti.

Celiachia dieta
cos'è la Celiachia

Cause e Meccanismo di Danno

Il fattore ambientale scatenante la malattia celiaca è rappresentato dal glutine presente nelle farine di frumento, orzo, segale e avena (solo in alcuni paesi come l'Italia). Tale frazione proteica non è contenuta nel mais e nel riso. I fattori genetici sono altrettanto importanti, tanto è vero che è presente un'aumentata prevalenza della celiachia nei familiari di Ι grado (fino al 15-20%) rispetto alla popolazione generale. L'associazione tra celiachia e geni HLA è nota da tempo, anche se l'analisi di tali geni non consente di porre diagnosi ma solo di evidenziare un terreno geneticamente predeterminato. La patogenesi della celiachia è legata all'immunitá cellulo-mediata attivata dall'attraversamento della barriera intestinale da parte della gliadina, proteina del glutine, che viene specificamente deaminata dalla transglutaminasi tissutale e che è il principale antigene degli anticorpi antiendomisio. La gliadina così processata viene presentata ai linfociti T che si attivano e producono una serie di citochine che portano al danno mucosale.

Diagnosi

La celiachia puó rendersi manifesta in qualsiasi periodo della vita, dalla prima infanzia all'etá anziana. Se i sintomi compaiono per la prima volta in etá adulta possono essere precipitati da infezioni gastrointestinali o anche dalla gravidanza. La sintomatologia d'esordio puó essere molto variabile, in relazione all'estensione delle lesioni nell'intestino tenue. La forma maggiore o classica si manifesta con un malassorbimento globale, diarrea e steatorrea, calo ponderale. In altri casi possiamo avere forme minori o pauci-sintomatiche con malassorbimenti selettivi dei nutrienti (es. ferro). Altri segni e sintomi possono essere anemia sideropenica, ipertransaminasemia, ipostaturalismo, osteoporosi, infertilitá, alopecia, stomatite aftosa ricorrente, ipoplasia dello smalto dentario. Infine, esiste anche una forma silente o asintomatica con lesioni limitate al duodeno e assenza di sintomi di qualsiasi tipo. Numerose malattie autoimmuni sono state associate alla celiachia: dermatite erpetiforme, sindrome di Sjögren, diabete mellito giovanile, epatiti autoimmuni, tireopatie autoimmuni, morbo di Addison, nefropatia di IgA. Tra le malattie non autoimmuni vi sono l'epilessia con calcificazioni cerebrali, la sindrome di Down, la cardiomiopatia dilatativa.

Celiachia dieta
cos'è la Celiachia

Dieta

Il trattamento standard della malattia celiaca è rappresentato dalla dieta priva di glutine. Essa deve essere seguita molto rigorosamente e per tutta la vita. Deve essere sottolineato che la farina di grano non solo è la base della nostra alimentazione (pane, pasta ecc.) ma viene anche utilizzata nella produzione di insaccati, salse e gelati confezionati, prodotti in scatola ecc. La dieta aglutinata deve essere mantenuta per tutta la vita anche nelle forme caratterizzate da pochi o nessun sintomo nei quali è stata posta diagnosi di celiachia. Negli ultimi anni è stato proposto un follow-up dei pazienti basato sulla risposta clinica e sierologica alla dieta aglutinata (dosaggio anticorpale da eseguirsi dopo 6-12 mesi dall’inizio della dieta), abolendo il ricorso a una seconda biopsia duodenale che diventa necessaria in caso di mancata risposta clinica. Le complicanze più temibili della celiachia sono rappresentate dal linfoma intestinale a cellule T, la digiuno-ileite ulcerativa, il carcinoma dell’intestino tenue, la malattia celiaca refrattaria e la sprue collagenosica. Esse vanno sempre sospettate in tutti i pazienti celiaci che, pur continuando a seguire una rigorosa dieta aglutinata, manifestano una ricomparsa della sintomatologia (dolori addominali, calo ponderale, diarrea, febbre ecc.). Sebbene la mortalità dei pazienti celiaci diagnosticati in età pediatrica e da allora in rigorosa dieta aglutinata non sia aumentata rispetto a quella della popolazione generale, la mortalità dei celiaci diagnosticati in età adulta è pressoché raddoppiata.

 

Per richiedere piú info, contattaci:

logo-footer

©COPYRIGHT 2015 - Alimenta 2000 srl - Via Marigliano, 40 - Somma Vesuviana - Napoli - P.IVA 03568461218